Ciao PlayLover,

Nella lezione di oggi tratteremo una cosa ormai poco in voga ovvero quella di chiamare una ragazza al telefono.

Telefonare ad una ragazza: perché farlo?

Con l’avvento delle nuove tecnologie più recenti quali WhatsApp, Messenger, Telegram, Viber, ecc. abbiamo che il telefono cellulare viene utilizzato per comunicare in modo diverso rispetto al passato.

Una volta il telefono cellulare poteva solo chiamare e mandare sms. Quindi, la comunicazione seguiva soltanto due canali. Oggigiorno, invece, la comunicazione può seguire molte più strade. Anche Facebook, ad esempio, viene utilizzato per comunicare (comunicazione molti a molti).

Insomma, l’evoluzione tecnologica ha letteralmente trasformato l’utilizzo del cellulare se consideriamo anche tutte le altre applicazioni che abbiamo installato: home banking, news, meteo, car sharing, eventi, produttività, ecc.

Deloitte ha condotto anche una ricerca in merito (Global Mobile consumer survey), affermando che i possessori di smartphone controllano il proprio dispositivo 47 volte al giorno. I più giovani, cioè quelli che hanno un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, arrivano fino ad 86 volte al giorno.

Ora, tenendo conto di questi dati, quante volte secondo te si usa il cellulare per telefonare? Quasi mai! Prova a fare un conto delle chiamate che fai ogni giorno, rimarrai sorpreso.

Tutti comunicano in maniera testuale. Tutti che si scrivono su WhatsApp. Tutti che abusano delle mail. E le telefonate? Chiamare una persona è, ormai, passato di moda.

Tuttavia è un qualcosa di estremamente efficace, perché viaggia su un canale dal potere comunicativo più elevato ed è meno fraintendibile. La voce impatta di più del testo. Inoltre, il fatto di essere in diretta, dà modo di percepire la reazione della persona che sta all’altro capo del telefono.

Quando ero bambino e ragazzo, ricordo che quasi ogni giorno telefonavo al mio amico del cuore o viceversa. E sai qual è stata la conseguenza: giorno dopo giorno si è instaurato un rapporto, una relazione.

Quindi, perché dovresti chiamare una ragazza al telefono? Quali sono i vantaggi di telefonare ad una donna?

  • Perché non lo fa più nessuno (le persone hanno addirittura paura in certi casi)
  • Perché ti aiuta a creare un rapporto ovvero una relazione
  • Durante la telefonata puoi interagire e capire le sensazioni che sta provando, gestire le obiezioni, ecc.
  • La voce è un suono ed i suoni influenzano le persone.

La voce, appunto, può avere un’influenza sulla ragazza di tipo:

  • Fisiologico (condizionandone lo stato fisico);
  • Emotivo (influenzando la psiche);
  • Cognitivo;
  • Comportamentale (un suono può far fare o meno un qualcosa). Come si utilizza la voce, può portare la ragazza a dire sì o no.

Quindi, come ben puoi immaginare, farsi dire di sì o di no da una ragazza è una bella differenza. Specie se magari si tratta di fare un invito per una serata o, comunque, una proposta ad uscire insieme per un appuntamento.

Telefonare Ad Una Ragazza: Perché Farlo?

Chiamare una ragazza al telefono: come farlo?

Quando chiami una donna al telefono devi essere in grado di gestire la chiamata stessa, altrimenti è meglio che eviti di farlo. Nella comunicazione testuale, via messaggi, hai la possibilità di aspettare a rispondere.

Al contrario, durante la chiamata, non hai la possibilità di fare grandi pause, altrimenti l’entusiasmo si spegne e lei vorrà chiudere la chiamata. Quindi, eccoti alcune pillole per una chiamata di successo con la ragazza dei tuoi sogni.

1. Garanzia di risposta

Chiamare una donna al telefono per la prima volta è una situazione che richiede un minimo di accortezza e cura. Cioè, se conosci la ragazza da poco, potrebbe reputare anomalo il tuo gesto. Anzi, potrebbe persino considerarlo invadente. Proprio perché non va più di moda parlare al telefono.

Quindi, se vuoi parlare al telefono con una donna ed essere sicuro della sua risposta cosa devi fare? Molto semplicemente, inviale un messaggio avvertendola che la chiamerai all’ora “X”. Qui puoi muoverti in due più modi e calibrarti poi sulla sua risposta.

Esempio 1
Tu: “Ciao Marta, oggi ti chiamo alle 18.30. Devo assolutamente raccontarti una cosa…”

Esempio 2
Tu: “Ciao Vanessa, avrei voglia di riascoltare la tua voce: è una melodia che mi rilassa 🙂 ahahah”

Esempio 3
Tu: “Ciao Chiara, io sono alla vecchia. Mi piace parlare con le persone (so che oggi non va più di moda). Ti chiamo alle 18.00, quando esco dall’ufficio. Ok?”

Poi, in base alla sua risposta, ti calibri. Cioè, se non può risponderti ad una certa ora, ti accordi per un altro orario o momento. L’importante è che sia mandato questo messaggio per aumentare drasticamente le probabilità di risposta.

Se salti questo passaggio rischi di sentir suonare il telefono a vuoto, nonostante lei avesse la possibilità di risponderti. Ti posso garantire che io ne ho viste di tutti i colori nella mia esperienza, specie con le ragazzine più giovani. Erano online su WhatsApp e non rispondevano alla chiamata, non rispondendomi neppure ai messaggi in quei momenti.

Chiamare Una Ragazza Al Telefono: Garanzia Di Risposta

2. Prepara un argomento di partenza

Partire da una “terra ferma” ti dà la possibilità di avere un avvio di chiamata in cui sei più sicuro. Cioè, sai come saturare i primi minuti di conversazione. Da dove prendere spunto per questi argomenti di partenza?

  • Argomenti che avete trattato via messaggio di recente
  • La sua giornata
  • Lo sport che pratica ogni settimana
  • Il suo lavoro
  • Altri interessi che ha e che coltiva in maniera frequente
  • Libro che sta leggendo, film che deve guardare, ecc.
  • Vacanze che sta pianificando, oppure altre esperienze di viaggio

Considera che questi argomenti rappresentano solo la base di partenza. Poi, dovrai essere bravo a passare da un argomento all’altro, fare le domande giuste per conoscerla meglio, cogliere determinate sfumature da approfondire, ecc. Tutte queste abilità hanno bisogno di pratica, pratica e pratica. Infatti, ai nostri corsi dal vivo abbiamo tutta una serie di esercizi ad hoc per sviluppare queste competenze.

3. Ascolta, ascolta e ascolta

Durante la chiamata devi tenere come riferimento questa semplice regoletta: “Sii 70% interessato e 30% interessante”. Cosa voglio dire?

Indicativamente, devi bilanciare la telefonata molto di più sull’ascolto che sul parlare. Se ti abitui ad ascoltare la donna e guidarla durante la conversazione, attraverso piccoli input di “cambio argomento” sarai molto più agevolato e ti sforzerai di meno per portare avanti la chiamata fino in fondo.

Esempio
Lei: “Mi piacerebbe molto andare in vacanza il prossimo mese, solo che non so davvero dove andare…”
Tu: “Beh inizia a dirmi dove sei già stata e cosa ti è piaciuto, così alla fine saprò darti uno spunto :-)”

Commento: in questo modo vai ad incanalare la conversazione su un fiume di esperienze che la ragazza ha già vissuto in prima persona. Quindi, non dovrai fare altro che ascoltare, senza dover pensare continuamente a nuovi argomenti.

Questa capacità non è facile da sviluppare e richiede molta pratica, esperienza ed un po’ di creatività. È un po’ come svoltare nelle strade giuste, per evitare il traffico. Trattando argomenti più vasti e ampi, riduci il tuo sforzo nel sentire la ragazza al telefono.

4. Periodicità

Una delle ragazze di cui mi sono innamorato, Francesca, ho iniziato a conoscerla praticamente via telefono. In che senso? Ogni sera la chiamavo. Non c’era una sera in cui non la chiamassi. Ricordo benissimo questo perìodo della mia vita.

Tra di noi si è creato un legame, proprio perché la chiamavo tutti i giorni. Proprio così è nato il nostro rapporto. Ogni giorno, appena finivo di studiare, prendevo in mano il telefono e condividevo tutto con lei. È stata proprio questa esperienza che mi ha fatto capire l’importanza delle chiamate per costruire relazioni di qualità.

Per oggi è tutto PlayLover, per saperne di più su “Chiamare Una Ragazza Al Telefono” continua a seguire il nostro blog iscrivendoti alla nostra newsletter:

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato su articoli, video ed eventi.

…oppure contattaci oggi stesso senza impegno per scoprire come far venir fuori il PlayLover che c’è in te! CLICCA QUI

Commenti

commenti